Tag Archives: tradizione

Torta di pane ticinese modificata

Torta di pane ticinese modificata

Dopo 7 anni in Ticino mancava ancora nel mio repertorio

Quando mi sono trasferita in Canton Ticino 7 anni fa una dei pochi cibi tipichi del posto che mi hanno conquistato è stata la torta di pane, poi sono diventata vegana e quindi non l’ho più mangiata.

Non so per quale motivo non l ho mai preparata in tutti questi anni, desiderando comunque mangiarla.

Oggi finalmente mi sono rifatta, di pane non ne avevo, ma in compenso c’era una torta mal riuscita, con nocciole e uvetta… la base ideale per una torta di pane ticinese modificata.

Ingredienti per 9/12 porzioni

  • Torta alle nocciole e uvetta rafferma 500 gr
  • Latte di mandorle 500 ml (50 gr mandorle+500 ml acqua)
  • Cacao 2 cucchiai
  • Okara di mandorle 50 gr
  • Zucchero 50 gr
  • Noci una mangiata
  • Mandorle 1 manciata
  • Cannella 1 cucchiaino
  • Farina di lupini 1 cucchiaio
  • Scorza di 1 limone bio

Procedimento

Come prima cosa preparare il latte frullando le mandorle con l’acqua per 2 minuti e filtrare.

Spezzettare la torta con le mani, metterla in una ciotola e ricoprirla con il latte fatto arrivare a bollore.

Lasciare riposarecoprendo con un canovaccio, mescolando di tanto £in tanto finché ben morbida.

Mescolare molto bene e se necessario frullare con mini pimer, aggiungere il cacao, la cannella, lo zucchero, la farina di lupini, le noci spezzettate e la scorza di limone grattugiata.

Mescolare e amalgamare bene, travasare poi in una teglia, decorare con mandorle e noci tritate grossolanamente.

Cuocere in forno preriscaldato a 210° per 10/15 minuti, poi a 160° fino ad un tempo totale di 50°.

I tempi sono indicativi e dipendono dal forno, quindi tenere controllato.

Gnocchi di zucca ai porcini

Gnocchi di zucca ai porcini

Naturalmente …. Giovedì Gnocchi!

Tengo fede al famoso detto popolare ed oggi che è giovedì mi sono preparata un piatto gigante di gnocchi.

In realtà doveva essere una porzione per due, avevo cotto 2 piccole zucche, ma ieri me ne sono mangiata metà e così 2 porzioni non ci stavano.

È risaputo che sono una mangiona… mi sono spazzolata 400 gr di gnocchi 🙈

Ingredienti per 2 porzioni di Gnocchi di zucca ai porcini:

  • Zucca 330 gr
  • Farina di farro 170 gr+qb per tagliere
  • Passata di pomodoro 200 ml
  • Porcini secchi 2 manciate
  • Pomodori secchi 4 metà
  • Mozzarella vegetale Violife 1 fettina
  • Spicchio di aglio 1
  • Sale prezzemolo rosmarino peperoncino qb

20170908_1035491701297298.jpg

Procedimento

Tagliare la zucca a metà e metterla in forno in una teglia a faccia in giù, a 200° finché la buccia non sarà morbida.

Lasciare raffreddare la zucca, io l’ho cotta il giorno prima.

Schiacciare la zucca molto bene con lo schiaccia patate, non deve rimanere nessun pezzetto duro.

Mescolare la zucca con la farina e formare dei piccoli salsicciotti da cui verranno tagliati tocchetti da 2 cm circa.

Setacciare gli gnocchi con un colino per eliminare la farina in eccesso e cuocere in abbondante acqua bollente, per pochi minuti finché non vengono a galla.

Cuocerne pochi per volta, con una schiumarola prelevarli quando sono cotti e metterli in acqua fredda per bloccare la cottura.

In una padella scaldare una spicchio d’aglio e stufarlo con poca acqua, aggiungere i funghi precedentemente reidratati finché non sprigionano tutto il loro profumo. Metterli da parte.

Lasciare l’aglio in padella aggiungere la passata di pomodoro con un poco di acqua, salare e lasciare ridurre.

Quando inizia ad addensarsi aggiungere i funghi, i pomodori secchi, gli gnocchi e la mozzarella vegetale filante.

Regolare con le spezie a piacere, servire con una spolverata di prezzemolo.

Biscotti al burro con gocce di cioccolato gluten free

Biscotti al burro con gocce di cioccolato gluten free

Il classico cookie, il biscottone al burro in versione vegan

Sono sempre stata una golosona e dolci e biscotti erano tra le mie cose preferite, anche se non ero in grado di cucinare e mangiavo solo cose confezionate.

https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?o=29&p=12&l=ur1&category=cybermonday2017&banner=07QGT3PHE3K9HE4WHZR2&f=ifr&linkID=827a14596f5add1d439dad014c35fe34&t=lavegcucinase-21&tracking_id=lavegcucinase-21

Oggi mi diverto da matti a ricreare sapori e consistenze senza l’utilizzo di ingredienti di origine animale, e rendere possibile che sempre più persone possano godere dei piaceri della tavola 100% vegetali.

Ingredienti per 8 Biscotti al burro con gocce di cioccolato gluten free:

  • 200 gr mix farina senza glutine
  • 25 gr farina mandorle
  • 25 gr farina mais
  • 100 gr zucchero di canna integrale
  • 55 gr gocce di cioccolato
  • 15 gr >>farina<< di lupini+45 gr acqua
  • 50 gr burro vegan oppure 40 gr di olio di semi
  • 1/2 cc cremor tartaro o lievito per dolci
  • >>cardamomo in polvere<<
  • Acqua qb

screenshot_20171127-1650261700178865.jpg

Procedimento:

Mescolare energicamente o con le fruste il burro e lo zucchero in modo da formare una specie di crema.

Aggiungere dunque la farina di lupini precedentemente stemperata in acqua e poi il lievito, mescolando.

A questo punto unire le farine e il cardamomo, se l’impasto è troppo asciutto aggiungere un goccio di acqua, fino ad avere un impasto malleabile ma compatto, aggiungere in fine le gocce di cioccolato.

Con le mani creare delle palline, più o meno grandi (io ho fatto dei biscottoni) e appoggiarle sulla teglia e carta forno schiacciandole leggermente con le mani, continuare fino alla fine dell’impasto.

L’impasto dev’essere morbido ma malleabile, se risultasse troppo secco aggiungere un gocci odi acqua.

Cuocere in forno pre riscaldato a 180° per 20/25 minuti, se dovessero risultare troppo morbidi azionare la funzione ventilato e aprire leggermente lo sportello per 5 minuti.

Lasciarli raffreddare prima di toccarli poi trasferirli su una griglia per farli asciugare sotto.

screenshot_20171127-165334337370699.jpg

Tiramisù alle castagne

Tiramisù alle Castagne

20171014_2114251747703706.jpg

Un classico della cucina italiana rivisitato in chiave vegan e con un tocco in più.

Prendendo spunto da un tiramisù alle castagne tradizionale realizzato dallo chef del ristorante dove lavoro ho realizzato anche io il mio, naturalmente vegan e con le castagne raccolte da me è mio marito nel bosco vicino a casa.

Questo sarà il dolce che realizzerò sabato per una cena a domicilio che mi hanno commissionato e sono sicura che sarà un successone.

Come base ho utilizzato del pan di Spagna, seguendo la ricetta del ristorante Joia-Alta Cucina Vegetariana, il pan di Spagna più buono che io abbia mangiato.

Ingredienti per il tiramisù alle castagne

Pan di Spagna

  • 250 gr farina farro
  • 80 gr farina ceci
  • 130 gr zucchero canna
  • 1 bustina cremor tartaro
  • Scorza e succo di 1 limone
  • 190 ml latte mandorle
  • 120 gr olio

Crema alle castagne

  • 100 gr di anacardi
  • 50 gr mandorle
  • 1.5 gr nigari
  • 4 gr sale
  • 90 gr castagne bollite
  • 90 gr zucchero canna

1 moka di caffè

Procedimento

Setacciare le farine e unire tutti gli ingredienti secchi in una ciotola compresa la scorza del limone ed il cremor tartaro, aggiungere l’olio e massaggiare con le mani, in fine il latte di mandorle.

Mescolare energeticamente per avere un impasto liscio ed uniforme.

Cuocere con il 20% di umidità a 160° per 5 minuti poi a 180° per circa 30 minuti o fino a completa cottura.

Mentre il pan di Spagna cuoce fare il latte di mandorle e anacardi.

Frullare le noci, precedentemente ammollati per 8 ore, con 1 lt di acqua, filtrare e portare a bollore.

Quando inizia a bollire togliere dal fuoco, aggiungere il nigari già sciolto in un goccio di acqua e il sale mescolando per un minuto circa.

Coprire con un panno e lasciare riposare 30 minuti.

Dopo di che lasciare scolare in uno strofinaccio per 8 ore.

A questo punto frullare le castagne già cotte con un po’ di acqua e allo zucchero, fino ad ottenere una crema densa e liscia.

Incorporare la crema di castagne e la cagliata mescolando delicatamente.

Preparare una moka di caffè, tagliare a metà il pan di Spagna per il senso dell’altezza.

Inzupparlo di caffè, stendere uno strato di crema alle castagne, aggiungere un altro strato di pan di Spagna inzuppato, altra crema e finire con una spolverata di cacao.

Far riposare in frigo una notte.

RETE TICINO

Rete di economia solidale, Permacultura, Transizione e Decrescita nella Svizzera italiana

BioRama

Azienda Agricola Biologica di Andrea Girolimetto

plantifullybasedblog.wordpress.com/

always delicious, always vegan

MamaVegan

Cucina Vegana Mediterranea

Ory in cucina

Buon Gusto a tutti!

Medico di te stesso

Nutrimento per il corpo e lo spirito

Centro Studi Igienismo

La natura è Sovrana Medicatrice dei mali. Primo non nuocere. L’aria pura è il primo alimento e il primo medicamento. Nessun veleno serva mai a curare un malato!

Manipura Spiritual & Nutrition

"Ogni incontro è uno specchio"

VALDO VACCARO

IL PUNTO DI VISTA IGIENISTA

Rasta garage DREADMAKER Milano e Italia

DREAD (rasta) Maker viaggiatori: dalla testa intera di dreadlocks alle riparazioni di dreads rovinati, extension artigianali e accessori di legno, rame, metallo da mondo. Dread addicted? SI!

Studio LATTANZIO

Consulenza, assistenza e formazione in Igiene degli alimenti e Sicurezza sul lavoro. La mia professionalità al tuo servizio.

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

Piatti Vegani PinaVeg LifeStyle

Ricette di Cucina Vegana e RawVegan per un alimentazione Cruelty Free Sana Consapevole Colorata piena di Energia