Tag Archives: homemade

Risotto al radicchio rosso e pleurotus, con crema di mango al balsamico

Stasera potevo fare la peggiore ciofeca di sempre. Aprire il frigo e prendere ingredienti a caso, 2 poveri mango e mezzo radicchio che stavano per tentare il suicidio, avocado, funghi pleurotus, cipolla rossa. Ed ecco che ne esce un risotto (magari se non avessi messo tutta tutta la crema di mango sarebbe stato meglio 😅) al radicchio e pleurotus, Continua a leggere

Tiramisù in 5 minuti

Tiramisù in 5 minuti

In questi anni da vegana ho sempre provato a fare il tiramisù in mille modi e gusti, ma sempre con il pan di Spagna.

Oggi finalmente ne ho fatto uno super easy, utilizzando dei biscotti secchi al cacao e il risultato è decisamente meglio 😍

Continua a leggere

Polpette di melanzane super saporite

Polpette di melanzane super saporite

Un grande classico della cucina vegetariana, ma naturalmente senza uova

Qualche giorno fa mio marito, grande amante delle melanzane, mi ha chiesto se gli preparavo le polpette di melanzane.

È difficile che lui mi chieda qualche piatto, di solito ama prepararsi da mangiare da solo, quindi ne ero super felice.

Anche perché essendo diversi giorni che mangio solo cibo crudo mi mancavano molto i fornelli.

Mi ha chiesto di prepararle cin degli ingredienti ben precisi e io mi sono messa all’ opera.

Ingredienti per 26 polpette di melanzane super saporite

  • melanzane medie 2
  • cipollotto rosso di calabria 1
  • pomodori secchi 5
  • olive 10
  • aglio in polvere
  • tamari 1 cucchiaio
  • semi di chia 3 cucchiai+6 cucchiai di acqua
  • nocciole tritate 30 gr
  • farina di mais
  • farina di ceci 30 gr+60 gr acqua
  • olio EVO 1 cucchiaio
  • sale

Procedimento

Come prima cosa incidere le melanzane e cuocere in forno per 30/40 minuti a 180°, finché non saranno molto morbide e la pelle si toglierà facilmente da sola.

Lasciarle raffreddare, sbucciarle e lasciarle scolare con in peso sopra per mezz’oretta.

In una padella anti-aderente scaldare 1 cucchiaio di olio EVO e soffriggere il cipollotto affettato, aggiungere le melanzane tagliate a tocchi, sfumare con il tamari e poi aggiungere le olive e i pomodori secchi a pezzetti.

Lasciarle raffreddare, nel frattempo macinare i 3 cucchiai di semi di chia e lasciarli in ammollo in 6 cucchiai di acqua.

Mettere in un tritatutto le melanzane condite, i semi di chia, 30 gr di nocciole tritate, l’aglio in polvere, salare a piacere e tritare grossolanamente.

Lasciare riposare mezz’ora in frigo, per lo stesso tempo lasciare riposare la pastella preparata con la farina di ceci e l’acqua.

In una ciotola versare della farina di mais fioretto, condita con un pizzico di sale e erbe a piacere, io ho usato prezzemolo.

Con le mani comporre le polpette, passarle nella pastella e poi nella panatura i mais.

Preparare a piacimento, oppure congelare per utilizzi futuri.

Mio marito le ha preparate al sugo rosso…deliziose.

Raw vegan cheese cake alle fragole e frutti rossi

Raw vegan cheese cake alle fragole e frutti rossi

La torta sana e golosa senza zucchero, senza glutine, senza farina, senza olio, senza cottura.

Era da più di 2 anni che non riuscivo più a fare un periodo completamente a crudo.

Sono al 9° giorno 100% raw e mi mancava proprio tanto mettermi in cucina a preparare qualcosa di sfizioso.

La gola non manca mai e così oggi ho preparare una facilissima raw cheese cake.

Il tenore di grassi è un po’ alto a causa di anacardi e latte di cocco, devo cimentarmi con dolci raw low fat, ma per ora va bene così.

Ingredienti per 8/10 persone teglia da 18cm Raw vegan cheese cake alle fragole e frutti rossi

Per la base

  • Datteri 1 tazza
  • Nocciole tritate 1/2 tazza
  • Carrube 1 cucchiaio

Per lo strato formaggioso

  • Anacardi 200 gr
  • Banana 1
  • Malto di riso 2 cucchiai
  • Fragole 150/200 gr

Per l’ultimo strato

  • Fichi secchi 5
  • Latte di cocco addensato 5 cucchiai
  • Frutti rossi misti congelati 100 gr

Procedimento:

Realizzare questa torta è facilissimo, serve solo un tritatutto e una teglia con cerniera.

Per prima cosa mettere in ammollo gli anacardi e se necessario anche i datteri a cui sono stati tolti i noccioli.

Per la base tritare tutti gli ingredienti fino a che si forma una palla appiccicosa, stenderla nella teglia coperta di carta forno.

Lasciare riposare in freezer 1 ora.

Frullare poi tutti gli ingredienti per lo strato centrale, versare il composto sopra la base e mettere di nuovo 1 ora in freezer.

Per finire frullare gli ingredienti dell’ultimo strato e versare sullo strato precedente solidificato.

Guarnire a piacere con frutti rossi e mettere nuovamente in freezer.

Prima do servire lasciare a temperatura ambiente giusto il tempo che si ammorbidisce un pochino per tagliarla.

Crespelle con spinaci e tofu alla curcuma e curry

Crespelle con spinaci e tofu alla curcuma e curry.

Naturalmente vegan…senza uova!

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

In questi giorni sto cucinando per il corso di permacultura che si tiene alla scuola agricola di Mezzana, qui a Balerna.

I vegani sono pochissimi, per lo più vegetariani ed onnivori.

La cosa che amo di più è proprio cucinare per loro, per fargli scoprire quanto sia buono mangiare senza derivati animali.

E quando proprio gli onnivori sono quelli che gradiscono di più io sono felice.

Magari non smetteranno di cibarsi di alcune cose, ma conoscere alimenti e metodi di cottura diversi potrà certamente ampliare il loro menù abituale e potranno ridurre il consumo dei derivati animali.

E così oggi ho preparato delle crespelle senza uova che sono davvero andate a ruba!!!

Chapati220180402_144854

Ingredienti per 6/8 Crespelle con spinaci e tofu alla curcuma e curry

Per le crespelle:

  • 125 gr farina di riso o mais o grano saraceno
  • 85 gr farina di ceci
  • 40 gr farina di lupini
  • acqua gr 750
  • Sale qb
  • Prezzemolo

Per il ripieno:

Chapati220180402_144824

 

Procedimento

Per prima cosa preparare la pastella mescolando molto bene le farine con l’acqua e lasciar e riposare da un minimo di 30 minuti fino ad anche 24 ore, più riposa meglio è.

Preparare il ripieno scaldando in una padella antiaderente dell’olio evo con 2 spicchi di aglio.

Aggiungere gli spinaci ben lavati e strizzati (attenzione agli schizzi di acqua e olio), lasciare appassire e rilasciare tutta la loro acqua, poi salare, mescolare bene e tenere da parte.

Pulire quindi la padella con della carta, aggiungere altro olio e sbriciolare il tofu con le mani (deve sembrare uovo strapazzato).

Fare soffriggere un paio di minuti, sfumare con il Tamari e poi aggiungere le spezie.

Unire quindi il tofu agli spinaci e mettere da parte.

Chapati220180402_145043

A questo punto prendere la pastella dal frigo, salare a piacere ed aggiungere del prezzemolo, mescolare bene.

Scaldare la padella, ungendola pochissimo con un pennello, versare da 1 a 2 mestoli di composto, a dipendenza della grandezza della padella.

Cuocere alcuni minuti, finché la crêpe si staccherà facilmente, girarla e cuocere un altro minuto.

Continuare in questo modo fino l’esaurimento di tutta la pastella.

Chapati220180402_144947

Ora possiamo farcire le crespelle con il ripieno di tofu e spinaci, arrotolare bene e tagliare in 2 metà.

Servire fredde o calde.

Chapati220180402_120958

Sorgo cremoso ai sapori del bosco

Sorgo cremoso ai sapori del bosco

Mantecato ai funghi, con salsa di mirtilli, quark di mandorle e granella di nocciole.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Oggi è il mio anniversario di matrimonio, quindi per questa sera ho voluto preparare qualcosa di speciale.

Ho preso spunto da un grande classico della cucina italiana quale è il risotto porcini e mirtilli e l’ho rivisitato.

Il riso è diventato sorgo ed i porcini sono diventati Portobello.

E poi i mirtilli, che si trasformano in una salsa di guarnizione e l’aggiunta del quark di mandorle per rendere ancora più cremoso il piatto.

Il tocco finale della granella di nocciole dà quel tono di croccantezza che rende speciale ogni piatto.

Ecco quindi come preparare il Sorgo cremoso ai sapori del bosco

Ingredienti per 2 persone Sorgo cremoso ai sapori del bosco

  • Sorgo integrale 200 gr
  • Acqua 400 gr
  • Portobello 2
  • Sedano rapa 200 gr
  • Latte di mandorle alto proteico 500 ml (160 gr mandorle, 500 ml acqua)
  • Malto di riso 50 gr
  • Mirtilli 160 gr
  • Succo di mezzo limone
  • Amido di mais 1 cucchiaio
  • Olio di semi qb
  • Tamari qb
  • Sale
  • Prezzemolo
  • Nocciole 1 manciata

Procedimento:

Iniziamo questa ricetta preparando il latte di mandorle, frullato quindi le mandorle e l’acqua per 1 minuto e filtrando poi il latte con una nut bag o uno strofinaccio.

Portare a bollore il latte e ridurlo della metà, poi mettere da parte.

Nel frattempo preparare la salsa ai mirtilli, preparando una gastrique di mirtilli.

Portare quindi a bollore il malto con un goccio di acqua, quando non fa più fumo aggiungere i mirtilli precedentemente frullati (dev essere un composto liquido, se serve aggiungere un goccio di acqua), ed il succo di limone.

Fare quindi ridurre un poco e poi legare con l’amido di mais stemperato in un goccio di acqua. Cuocere per 3 minuti, deve essere abbastanza denso.

Nel frattempo cuocere il sorgo nei 400 ml di acqua, salare, e continuare la cottura a fiamma bassa e coperto fino a completa cottura (vedere tempo sulla confezione).

Se serve aggiungere altra acqua, deve rimanere un po’ liquido.

Mentre il sorgo cuoce sbollentate il sedano rapa per 8 minuti.

Pulire i funghi e saltare in padell i cuori dei gambi e la pelle del cappello precedentemente pulita ed asportata insieme alle sue lamelle, con uno spicchio di aglio, un filo d’olio e sfumandocon Tamari.

Frullare quindi i resti dei funghi cotti con il sedano rapa e montare con olio qb per avere una crema.

Cuocere in padella anche il cappello del fungo sempre sfumando con salsa di soia, finché ben morbida.

Tostare le nocciole in forno a 130°, poi tagliarle a coltello in una granella.

A questo punto mantecare, per 1 minuto fuori dal fuoco, il sorgo con la crema di sedano rapa e funghi.

Impiattare a piacere, in questo caso ho formato un disegno sulla base del piatto con la salsa di mirtilli, impiattare il sorgo con un coppapasta e decorato con il quark di mandorle ed il fungo Portobello.

Completare con la granella di nocciole (che io mi sono dimenticata 🤦‍♀️) ed il prezzemolo.

Torta soffice alle nocciole e arancia con ganache al cioccolato.

Oggi sono venute a pranzo da me un’amica e la sua bimba di 2 anni 1/2.

Bimba vegana che sarebbe da portare come esempio a tutti coloro che ancora vivono nella falsa credenza che i bambini vegani siano denutriti.

Per l’occasione ho preparato varie cose, tra cui la mia >>focaccia a lunga lievitazione<<

e una buonissima torta soffice alle nocciole e arancia con ganache al cioccolato.

Torta realizzata un po’ a caso è risultato eccezionale.

Ingredienti per teglia da 18cm torta soffice alle nocciole e arancia con ganache al cioccolato

Per la torta

  • Farina di farro 150 gr
  • Farina di nocciole 100 gr
  • Zucchero di canna 130 gr
  • Lievito per dolci 8 gr
  • Succo e polpa di arancia 80 gr
  • Latte di nocciole 100 gr
  • Olio di semi di girasole 80 gr
  • Zest di 1 arancia

Per la ganache al cioccolato

  • Cioccolato fondente 150 gr
  • Acqua 125 gr
  • Olio evo 15 gr
  • Olio di semi 15 gr

Procedimento:

La prima cosa da preparare è la ganache, che dovrà riposare diverse ore.

Tagliare il cioccolato a coltello, abbastanza fine, portare a bollore l’acqua e versarla in 2 volte sul cioccolato, mescolando per farlo sciogliere.

Dopodiché unire i 2 oli e frullare leggermente con mini pimer per amalgamare tutti gli ingredienti.

Lasciare riposare in frigo per 12 ore (ideale) o comunque almeno 4.

Per la preparazione della torta, in una ciotola grande mescolare tutti gli ingredienti secchi, aggiungere l’olio e massaggiare con le mani per amalgamare in modo omogeneo.

A questo punto aggiungere i liquidi,mescolare energicamente, travasare nella teglia e lasciare riposare mezz’oretta.

Cuocere in forno pre riscaldato a 180° per circa 30 minuti, fare prova stecchino.

Quando la torta sarà fredda, scaldare la ganache al cioccolato in un pentolino per renderla liquida, quindi versarla sulla superficie della torta.

Fare riposa in frigo fino a che la ganache sarà di nuovo solida.

RETE TICINO

Rete di economia solidale, Permacultura, Transizione e Decrescita nella Svizzera italiana

BioRama

Azienda Agricola Biologica di Andrea Girolimetto

Plantifully Based

always delicious, always vegan

MamaVegan

Cucina Vegana Mediterranea

Ory in cucina

Buon Gusto a tutti!

Medico di te stesso

Nutrimento per il corpo e lo spirito

Centro Studi Igienismo

La natura è Sovrana Medicatrice dei mali. Primo non nuocere. L’aria pura è il primo alimento e il primo medicamento. Nessun veleno serva mai a curare un malato!

Manipura Spiritual & Nutrition

"Ogni incontro è uno specchio"

VALDO VACCARO

IL PUNTO DI VISTA IGIENISTA

Rasta garage DREADMAKER Milano e Italia

DREAD (rasta) Maker viaggiatori: dalla testa intera di dreadlocks alle riparazioni di dreads rovinati, extension artigianali e accessori di legno, rame, metallo da mondo. Dread addicted? SI!

Studio LATTANZIO

Consulenza, assistenza e formazione in Igiene degli alimenti e Sicurezza sul lavoro. La mia professionalità al tuo servizio.

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

Piatti Vegani PinaVeg LifeStyle

Ricette di Cucina Vegana e RawVegan per un alimentazione Cruelty Free Sana Consapevole Colorata piena di Energia