Ricette base

Frolla all’arancia e burro di arachidi

Stasera ho una cena a casa di amici, è un evento visto che non usciamo praticamente mai.

E così ne ho approfittato per fare dei dolcetti, perché ultimamente sto cucinando troppo poco e mi manca.

Mi sono dilettata in un esperimento di frolla senza olio, sostituito con il burro di arachidi.

I tempi stringevano e così dopo mezz’ora che sgusciavo arachidi ho aggiunto delle mandorle per fare prima.

Il piccolo frullatore che uso per fare il burro di semi non ha una grande potenza, così sono rimasti dei pezzi di mandorle interi.

Continua a leggere

Il mio ragù di soia cruelty free

Il mio ragù di soia cruelty free

Il Ragù etico e pieno di gusto che non ti farà rimpiangere l’assenza della carne

Prima di diventare vegana non cucinavo quasi mai, la maggior parte dei miei pasti era composta da piatti pronti surgelati o affettati, l’unica cosa che veramente cucinavo bene era il ragù di cui ero ghiotta.

Eliminando la carne dalla mia alimentazione non potevo però rinunciare al MIO RAGU’, dopo vari tentativi con il granulare di soia che però non mi soddisfaceva mai del tutto, ho finalmente scoperto il macinato di soia.

Qui in Svizzera lo vendono alla coop, marca Délicorn, in Italia invece lo fa la Sojasun, e così è nato Il mio ragù di soia.

Purtroppo non è gluten free, ma contiene pochissimo glutine e riesco a sopportarlo molto bene, quindi non ci rinuncio!!!

Il mio ragù di soia

Ingredienti

  • 1/2 cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota in
  • olio EVO q.b.
  • 400 gr macinato di soia oppure 200 gr >>granulato di soia<<
  • 1 lt salsa di pomodoro
  • ½ bicchiere vino rosso
  • curry q.b.
  • dado home made, oppure sale q.b.

Procedimento

Soffriggere cipolla sedano e carota in un filo d’olio, aggiungere 2 confezioni di macinato di soia, curry e sfumare con il vino, quando è evaporato aggiungere la salsa di pomodoro ed il dado fatto in casa.

Cuocere per 1 oretta a fuoco basso, regolare di sale se serve.

Utilizzare il ragù sulla pasta o per fare una gustosa lasagna o pasta al forno……oppure anche solo con un po’ di pane…..da leccarsi i baffi!!!

Torta di farro soffice allo yogurt

Torta di farro soffice allo yogurt

Soffice come una nuvola e dal sapore delicato ti conquisterà.

Torta di farro soffice allo yogurt

Ultimamente ho preparato molti dolci senza glutine, che sono sempre più buoni, ma che come consistenza non riescono a darmi piena soddisfazione al 100%.

Oggi invece ho voluto fare una torta di farro, dopo molto che non ne facevo, e sono rimasta estasiata dalla consistenza soffice e dal sapore delicato di yogurt e vaniglia

E allora… Veloce e facilissima da preparare ecco la Torta di farro soffice allo yogurt.

https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?o=29&p=13&l=ez&f=ifr&linkID=f4e671b7de98901ac0f3ebdde303bd37&t=lavegcucinase-21&tracking_id=lavegcucinase-21

Ingredienti Torta di farro soffice allo yogurt, tortiera da 18cm:

  • farina di farro 250 gr
  • zucchero di canna 150 gr
  • 1/2 bustina lievito per dolci/cremor tartaro
  • yogurt di soia bianco naturale non zuccherato 150 gr (oppure 105 gr sciroppo d’agave)
  • estratto di vaniglia a piacere
  • 1 pizzico di sale
  • olio di girasole 100 gr
  • 1/2 cucchiaino >>olio di cocco<<
  • latte di riso qb (usando l’agave ne servirà pochissimo)

Procedimento:

In una ciotola capiente setacciare la farina, aggiungere quindi lo zucchero ed il lievito sempre setacciato, mescolare.

Ora unire gli olii e massaggiare a fondo la farina fino a farlo amalgamare completamente.

Aggiungere a questo punto lo yogurt continuando a mescolare amalgamando per bene, in fine aggiungere poco alla volta il latte di riso quanto basta a rendere l’impasto bello cremoso.

Finire con l’estratto di vaniglia ed il pizzico di sale.

Trasferire l’impasto in una tortiera foderata con carta forno e cuocere in forno pre riscaldato a 180° per 40 minuti (30 se ventilato).

Pasta choux Vegan e gluten free

Pasta choux Vegan e gluten free

La fortuna del principiante?

Oggi è nato un dibattito tra cuoche vegane ed aspiranti tali, riguardo la realizzazione della pasta choux vegan.

Nessuna era soddisfatta delle ricette provate fino ad ora.

Io non avevo mai provato a farla, ne mai avevo fatto la versione tradizionale, in quanto prima di diventare vegana non ero assolutamente in grado di cucinare nulla.

https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?o=29&p=42&l=ur1&category=madeinitaly_it&banner=0KMZ3QAB1AEXY4DDA0R2&f=ifr&linkID=94ea51329997594e03da62627f56f046&t=ladyshop02-21&tracking_id=ladyshop02-21

Mi sono messa a cercare in rete il procedimento classico per realizzarla.

Seguendo le istruzioni di Iginio Massari e Luca Montersino ho sostituito gli ingredienti animali con la rispettiva alternativa vegetale e in men che non si dica i bignè erano pronti.

Vediamo come fare.

Ingredienti per 2 teglie di bignè fatti con Pasta choux Vegan e gluten free:

  • 200 ml acqua
  • 180 gr margarina
  • 110 gr farina di ceci
  • 150 gr >>mix di farine senza glutine<<
  • 40 gr di >>arrow root<< o amido di mais
  • 16 gr lievito per dolci o cremor tartaro
  • 220 ml latte di mandorle (20 gr di mandorle ammollate+200 ml acqua)
  • pizzico di sale

Procedimento:

Per prima cosa preparare il latte di mandorle frullando le mandorle con l’acqua e filtrando con un panno o con il sacchetto apposito.

Dopodiché unire il latte con la farina di ceci e mescolare bene per sciogliere i grumi, lasciare riposare.

In un pentola ampia versare l’acqua, il sale e la margarina tagliata a pezzi, portare a bollore facendo attenzione che tutta la margarina sia sciolta.

Quando bolle bene versare tutta in un solo colpo la farina precedentemente mescolata con l’amido e iniziare a mescolare vigorosamente.

Quando il composto si compatta diventando tipo una polenta e si stacca dai bordi è pronto e si può trasferirlo nella planetaria o nel bimby.

Io ho usato il bimby, velocità spiga, azionarlo, aggiungere il lievito e poi versare poco alla volta la pastella di ceci, lasciandola assorbire tra un rabbocco e l’altro.

Quando il composto sarà liscio ed omogeneo…e un po’ colloso trasferirlo in un sac à poche e formare i bignè su una teglia coperta di carta forno.

Cuocere in forno ventilato pre riscaldato a 180° per 20 minuti, con lo sportellino leggermente aperto.

Una volta raffreddati farcirli a piacere.

Curry di lenticchie rosse e riso integrale

Curry di lenticchie rosse e riso integrale

Oggi vediamo insieme una ricetta tipica indiana, che nasce già vegana.

L’unica cosa da fare è eliminare l’olio per renderla light ed adatta alla nostra Carbs’ Revolution, ed eventualmente personalizzarla.

vai al sito macrolibrarsi

Curry di lenticchie rosse e riso integrale

Gli ingredienti di questa ricetta sono per 2-3 persone…anche se io mi sono mangiata tutto sa sola…ma non diciamolo troppo in giro ahahaha.

Il latte di cocco è parecchio grasso, ma innanzitutto è un grasso più naturale rispetto a quello di un olio poiché meno raffinato e non aggiungendo altri grassi il piatto rimane comunque abbastanza bilanciato con le proporzioni 80% carboidrati, 10% proteine, 10% grassi ideale per uno stile alimentare salutare.

Quello che è importante è in ogni caso mantenere le percentuali rispetto al cibo ingerito durante tutta la giornata e non in un solo pasto.

20170821_132938

Ingredienti per 3 porzioni Curry di lenticchie:

(kcal 428 a porzione – 74% Carboidrati, 17% proteine, 9% grassi)

  • 1 tazza lenticchie rosse
  • 1 cipolla rossa
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 >>lattina piccola di latte di cocco<< (formato ridotto)
  • 1/2 cavolo bianco
  • 1/2 tazza passata di pomodoro
  • 2 cucchiaini curry
  • 1 cucchiaino peperoncino
  • 1 tazza riso bollito
  • 2 tazza acqua
  • 1 cucchiaino miso
  • prezzemolo

 

Report

Procedimento:

Affettare sottilmente la cipolla e l’aglio e metterli in una pentola, insieme alle lenticchie ed al latte di cocco, unire il cavolo, curry e peperoncino, la passata di pomodoro e l’acqua.

Portare a bollore e cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti, verso fine cottura aggiungere il riso in modo che si scaldi e si amalgami insieme al resto degli ingredienti.

A fine cottura togliere dalla fiamma e aggiungere il miso sciolto in un goccio di acqua e mescolare bene, aggiungere il prezzemolo e servire.

20170821_134937

Tempeh fatto in casa, come prepararlo

Tempeh fatto in casa, come prepararlo

O anche “Carne di Soia”

Il Tempeh è un derivato della soia che io a doro, uno dei cibi a base di soia più salutari oltre che più buono.

Un perfetto sostituto della carne, grazie alle sue proprietà nutrizionali, all’alto contenuto proteico ed anche alla sua consistenza.

E’ un prodotto che solitamente si può trovare nei negozi specializzati, al supermercato ancora non mi è capitato di trovarlo, ma è anche vero che qui in Svizzera siamo ancora un po’ indietro sull’argomento vegan, quindi magari in Italia si trova anche nei supermercati.

Rimane il fatto però che si tratta ancora di un cibo esotico, utilizzato infatti principalmente nella cucina asiatica, e quindi da noi ha un costo abbastanza elevato, farlo in casa costa 1/3 che acquistandolo, anche se il procedimento è un po’ lungo…. ma per quanto mi riguarda molto divertente.

Ingredienti per 200 gr di tempeh fatto in casa:

Attrezzature:

  • >>essiccatore<< (in alternativa un termometro e forno), oppure una yogurtiera o forno con luce accesa.
  • sacchetto per frizzer

Procedimento per il tempeh fatto in casa:

Come prima cosa mettere in ammollo la soia per 12/24 ore, cambiando l’acqua almeno un paio di volte.

A questo punto arriva la parte più lunga e laboriosa, che però può essere vissuta come un momento di relax o meditativo…ovvero sbucciare tutti i fagioli di soia e spezzarli a metà.

Sfregandoli tra le mani si riesce a toglierne abbastanza, ma per un risultato ottimale è meglio fare un lavoro certosino.

Una volta che la soia è tutta spezzata cuocerla in abbondante acqua bollente per 20/30 minuti, in modo che si ammorbidisca senza sfaldarsi.

Lasciarla raffreddare e asciugare disposta ben aperta su uno strofinaccio.

Quando è ben asciutta trasferirla in una ciotola, aggiungere l’aceto e lo starter Rhizopus Oligosporus (un fungo addomesticato le cui spore formano effettivamente il tempeh).

Mescolare molto molto bene per distribuire lo starter in modo omogeneo, quindi inserire la soia in un sacchetto da frizer, dare la forna di panetto alto circa 2-3 cm e sigillare bene.

Forare in superficie il sacchetto abbondantemente in modo da far circolare l’aria e posizionare il panetto nell’essiccatore oppure nel forno con luce accesa, va bene anche una yogurtiera, la temperatura deve rimanere tra 28/30°.

Dopo circa 24 ore (senza essiccatore anche fino a 36/48) il panetto dev’essere completamente ricoperto da una fitta ragnatela di filamenti bianchi detti ife che formano nel loro complesso la struttura vegetativa del Rhizopus chiamata micelio. (come nell’immagine qui sopra).

A questo punto il tempeh è pronto per essere gustato, cucinato in svariati modi, io ad esempio lo adoro marinato e utilizzato al posto della pancetta per una magnifica carbonara.

Si conserva in frigo per 1 settimana circa, in una soluzione di acqua e sale (8 gr di sale/1 lt di acqua) (alcuni mesi invece congelato).

Tofu fatto in casa

Tofu fatto in casa

Il formaggio vegetale più famoso al mondo, uno degli alimenti base della cucina orientale, da preparare facilmente a casa tua.

Durante il corso professionalizzante alla >> Joia Academy -> uno dei piatti che abbiamo preparato è stato il tofu, lo abbiamo cucinato in diversi modi, ad esempio abbiamo realizzato il tofu fritto, oppure in carpione.

Ma soprattutto abbiamo realizzato il tofu a partire dai fagioli di soia secca, io amo fare formaggi e quindi questa lezione mi è piaciuta particolarmente.

Avevo già provato a fare il tofu a casa, ma con proporzioni tra soia e acqua completamente sbagliate con risultati fallimentari.

Ora invece faccio un tofu eccezionale, molto molto più buon odi quello che si può trovare al supermercato, se non ti andasse di cimentarti con la cagliatura per mancanza di voglia o tempo contattami, realizzo tofu anche su ordinazione.

Ma veniamo quindi alla ricetta.

Ingredienti per un panetto di Tofu da 270 gr

Attrezzatura necessaria (acquistabile direttamente su Amazon):

1- >> Pentola capiente a bordi alti ->

2- >> Schiumarola ->

3- >> Frullatore potente, io uso il Bimby, ma può andar bene ad esempio anche il >>KENWOOD BLEND-X PRO->

4- >> Sacchetto per filtrare latte vegetale ->

5- >> Fuscelle ->

6- >> Bilancia per alimenti ->

7- Canovaccio

E’ importante avere un frullatore potente per avere la miglior resa possibile e non buttare nutrienti preziosi.

Procedimento:

Mettere in ammollo la soia per 1 notte o comunque per almeno 8 ore, ma anche 12, cambiando l’acqua almeno un paio di volte.

Sciacquare i fagioli di soia metterli nel frullatore e frullare alla massima velocità per circa 2 minuti, nella metà di acqua.

Aggiungere la restante acqua e portare a bollore per 5 minuti.

A questo punto far raffreddare e filtrare il latte ottenuto utilizzando il >>sacchetto apposito-> e strizzare bene, conservare in frigo l’okara (il residuo secco filtrato che si potrà utilizzare per altre ricette).

Versare il liquido ottenuto nella pentola, nel frattempo sciogliere il nigari in 100 ml di acqua e tenere da parte.

Ora scaldare il latte, quando inizia a bollire e ad aumentare di volume versare nella pentola l’acqua con il nigari e togliere dal fuoco.

Mescolare leggermente, coprire la pentola con il canovaccio e fare riposare 15/20 minuti, a questo punto il latte sarà completamente cagliato.

Con l’aiuto della schiumarola trasferire la cagliata nelle fuscelle e lasciare scolare il siero.

A questo punto il tofu è pronto, conservarlo in un barattolo con soluzione di acqua e sale (8 gr di sale per 1 lt di acqua), bollire il tofu per qualche minuto prima di consumarlo.

Oltre che per piatti salati è ottimo ad esempio anche per gustose cheese cake come la mia >>Tofucake all’albicocca->

Plantifully Based

always delicious, always vegan

MamaVegan

Cucina Vegana Mediterranea

Digiuno e dieta Vegan Crudista

Il più grande strumento di purificazione per corpo, mente e spirito

Ory in cucina

Buon Gusto a tutti!

Medico di te stesso

Nutrimento per il corpo e lo spirito

Centro Studi Igienismo

La natura è Sovrana Medicatrice dei mali. Primo non nuocere. L’aria pura è il primo alimento e il primo medicamento. Nessun veleno serva mai a curare un malato!

Manipura Spiritual & Nutrition

"Ogni incontro è uno specchio"

VALDO VACCARO

IL PUNTO DI VISTA IGIENISTA

Rasta garage DREADMAKER Milano e Italia

DREAD (rasta) Maker viaggiatori: dalla testa intera di dreadlocks alle riparazioni di dreads rovinati, extension artigianali e accessori di legno, rame, metallo da mondo. Dread addicted? SI!

Studio LATTANZIO

Consulenza, assistenza e formazione in Igiene degli alimenti e Sicurezza sul lavoro. La mia professionalità al tuo servizio.

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

E.V.A.

La voce dei senza voce

Piatti Vegani PinaVeg LifeStyle

Ricette di Cucina Vegana e RawVegan per un alimentazione Cruelty Free Sana Consapevole Colorata piena di Energia

Dolceverde

Blog di pasticceria vegana di Silvia Roveri